Fatturazione prestazioni di trasporto c/terzi e servizi accessori

In tema di fatturazione elettronica mensile dei servizi di trasporto merci per conto terzi, è necessario distinguere le prestazioni di trasporto eseguite nel mese di riferimento e i servizi accessori ai trasporti eseguiti nel mese precedente a quello di riferimento. Per i servizi accessori, inoltre, deve essere richiamata la fattura che documenta le operazioni principali cui si collegano quelle accessorie. (Agenzia delle Entrate – Risposta n. 8 del 2020)

L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in tema di fatturazione elettronica per prestazioni di servizi, nell’ipotesi di un’azienda di autotrasporto di merci per conto terzi, la quale documenta:


– con una fattura unica tutte le prestazioni eseguite in ciascun mese nei confronti del medesimo cliente, sulla base di un apposita lista descrittiva (condivisa con il committente), nella quale sono riportate le informazioni di dettaglio del DDT (numero e data, dati del committente, dati identificativi del vettore, luogo e data di carico/scarico, targa della motrice e/o del rimorchio stradale utilizzati, peso e tipologia del prodotto trasportato), senza allegare né i DDT, né la lista riepilogativa che viene conservata in forma cartacea;
– con la fattura mensile successiva nei confronti del medesimo cliente, i servizi accessori riferiti alle prestazioni principali della precedente fattura mensile.
In proposito, l’Agenzia delle Entrate ha preliminarmente evidenziato che non si tratta di una fattura “riepilogativa differita”, bensì di una “fattura che documenta più prestazioni rese nel mese, il cui momento impositivo (ossia quello nel quale la prestazione si considera effettuata e, di conseguenza, l’imposta si rende esigibile) coincide con l’emissione della fattura stessa, che costituisce anche la data da indicare nel relativo campo del file fattura. Ciò significa che la fattura elettronica deve essere trasmessa allo Sdì entro 12 giorni dalla data riportata sulla stessa fattura.
Per quanto concerne gli obblighi descrittivi della fattura, è possibile rinviare alla lista riepilogativa (condivisa con il committente per accettazione), scegliendo liberamente se allegarla o meno al file “XML” trasmesso allo Sdì, salvo però l’obbligo di garantirne la conservazione alternativamente in modalità cartacea o elettronica.
Con riferimento, infine, alle prestazioni accessorie, è necessaria la distinzione tra le prestazioni di trasporto eseguite nel mese di riferimento della lista e i servizi accessori ai trasporti eseguiti nel mese precedente a quello di riferimento, richiamando altresì, con riguardo a questi ultimi, la fattura che documenta le operazioni principali cui si collegano quelle accessorie. Pertanto, in caso di emissione della fattura senza indicare nel campo descrittivo gli estremi delle fatture relative alle operazioni principali per il necessario collegamento a quelle accessorie, si rende necessaria la regolarizzazione mediante emissione di note di variazione e successiva riemissione di fatture corrette, che valorizzino la distinzione tra le prestazioni principali del mese ed i servizi accessori relativi al mese precedente con il richiamo alla fattura che documenta le operazioni principali cui si collegano.

Attività dello Studio

Le attività dello Studio La Commara comprendono il complesso sistema delle attività e obblighi normativi sia per le aziende che per i privati, in un constesto di continuo aggiornamento e

Attività dello Studio

Chi Siamo

Lo studio associato La Commara, fondato nel 1988, opera in tutto il territorio nazionale con sede a San Giuseppe Vesuviano (Na) e dal 2012 anche nel Comune di Brugherio (MB). Grazie alla

LA-COMMARA-chi-siamo-2