Calamità naturali, le indicazioni Inps alle imprese agricole per il “trascinamento delle giornate”


Con circolare n. 161 del 27 dicembre 2019, l’Inps fornisce indicazioni per la compilazione degli elenchi nominativi dei braccianti agricoli (R.D. 24 settembre 1940, n. 1949), valevoli per l’anno 2019, con ampliamento per il medesimo anno dell’ambito soggettivo di applicazione del beneficio del “trascinamento delle giornate” (art. 21, co. 6-bis, L. n. 223/1991).


Come noto, l’articolo 21, co. 6, della Legge n. 223/1991 prevede, per i lavoratori agricoli a tempo determinato, un particolare beneficio previdenziale, il cosiddetto “trascinamento delle giornate”. Esso consiste nel riconoscimento, sia ai fini previdenziali che assistenziali, in aggiunta alle giornate di lavoro prestate nell’anno in corso, di un numero di giornate necessarie al raggiungimento del numero di giornate lavorative effettivamente svolte presso i medesimi datori di lavoro, nell’anno precedente a quello di fruizione dei benefici per gli interventi di prevenzione e compensazione dei danni da calamità naturali o eventi eccezionali (art. 1, co. 3, D.Lgs. n. 102/2004). Il beneficio è riconosciuto anche ai piccoli coloni e ai compartecipanti familiari delle aziende colpite dalle predette avversità.
Nell’anno 2018 il beneficio è stato destinato ai lavoratori occupati a tempo determinato per almeno cinque giornate, come risultanti dalle iscrizioni degli elenchi anagrafici, presso un’impresa agricola (art. 2135 c.c.) che abbia fruito di almeno uno dei predetti interventi e ricadente in un’area dichiarata calamitata dalla Regioni con propria delibera o decreto (art. 1, co. 1079, L n. 296/2006). Requisito necessario ai fini del “trascinamento” è che le giornate di lavoro siano state prestate presso i medesimi datori di lavoro.
Orbene, a seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 27/2019 (convertito in L. n. 44/2019), è stata ampliata per l’anno 2019 la platea dei destinatari del beneficio, ricomprendendo tra questi anche i lavoratori agricoli a tempo determinato, dipendenti nell’anno 2018 per almeno cinque giornate, da imprese agricole beneficiarie dei citati interventi in deroga e ricadenti nelle zone colpite da calamità naturali di cui all’Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 558 del 15 novembre 2018, (territori delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna, Siciliana, Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano, colpiti dagli eccezionali eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018).
Le aziende interessate devono trasmettere per via telematica la dichiarazione di calamità, direttamente o per il tramite degli intermediari autorizzati, avvalendosi dell’apposito servizio, denominato “Dichiarazione di calamità aziende agricole”, accessibile nella sezione “Prestazioni e servizi” > “Tutti i servizi” del sito istituzionale (www.inps.it) e fruibile con le consuete modalità di accesso. Le dichiarazioni di calamità devono fare riferimento alle aree delimitate da provvedimenti delle Regioni ovvero dall’Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 558/2018. Per la concessione del beneficio ai piccoli coloni e compartecipanti familiari, i concedenti devono inviare alle Strutture dell’Istituto competenti per territorio il modulo cartaceo SC95, “Dichiarazione per la concessione ai piccoli coloni/compartecipanti familiari dei benefici a seguito di eventi calamitosi o di eventi eccezionali”, reperibile sul sito dell’Istituto (www.inps.it). La trasmissione deve avvenire entro la data del 25 febbraio 2020 per consentire alle Strutture territoriali di procedere alla validazione delle domande entro il 4 marzo 2020. Al riguardo, tali Sedi territoriali devono far riferimento esclusivamente ai decreti/delibere regionali che delimitano i territori e alla richiamata Ordinanza; in caso di reiezione, per completare l’esito dell’operazione, è obbligatorio indicare le motivazioni del rigetto.

Attività dello Studio

Le attività dello Studio La Commara comprendono il complesso sistema delle attività e obblighi normativi sia per le aziende che per i privati, in un constesto di continuo aggiornamento e

Attività dello Studio

Chi Siamo

Lo studio associato La Commara, fondato nel 1988, opera in tutto il territorio nazionale con sede a San Giuseppe Vesuviano (Na) e dal 2012 anche nel Comune di Brugherio (MB). Grazie alla

LA-COMMARA-chi-siamo-2